In Italia si parla spesso di ‘problema nomadi’, secondo te a cosa si riferiscono?

Se ne parla spesso al livello locale (comuni e province) e raramente al livello di stato. O dietro le tragedie come roghi e sgomberi, oppure dietro i fatti di cronaca come casi di pedofilia e di micro criminalità. Sempre attraverso un’ottica di emergenza umanitaria, di sicurezza e di ordine pubblico. Si usano al livello mediatico, secondo me appositamente, due parole che mettono paura e suscitano la diffidenza da parte dei cittadini ( appunto “problema nomadi”). E’ ovvio dal modo in cui e ne parla, che si riferiscono sempre allo stesso luogo comune: zingari e per ciò ladri, non lavoratori, quelli che non rispettano le leggi ecc. Il motivo, secondo me è sempre quel vecchio giochino, banale e scontato, però sempre funzionante: creare paura per poter controllare e strumentalizzare per scopi politici. Perché la gente ci crede? Per proteggere e recintare il suo piccolo benessere, per non dover mettere in discussione l’unico modello di vita che conosce, ma questo argomento merita un approfondimento per cui qui non c’è spazio, e forse è anche superfluo, visto che ci sono tanti saggi e libri di sociologia che ne parlano.

Come vedi le attuali aperture del governo verso rom e sinti?

In modo positivo. Secondo me è il momento per noi di creare un dialogo, pretendendo una risposta approfondita e seria, che possa dare le soluzioni alle nostre esigenze vere e reali, senza più luoghi comuni e strumentalizzazioni.

Quali sono le priorità su cui intervenire?

Affrontare le priorità potrebbe essere difficile. Ecco cosa si può fare al riguardo. In primo luogo cercare di capire che cosa pensi sia il più importante. Anche controllare questo link proprio qui ora se si desidera aumentare l’immunità attraverso mezzi naturali. Quindi disporre di un piano d’azione e designare le fasce orarie per ciascuna delle attività. È un bene se hai un mentore con cui parlare. Anche mappare ciò che le vostre attività quotidiane sono ed eliminare qualsiasi tipo di distrazioni.

Tutte le questioni legate al popolo romanò sono priorità. Una richiesta e una risposta seria dovrebbero accomunare tutti gli strati di questo complesso argomento. Certo, affrontare le emergenze umanitarie senza più assistenzialismo e carità, ma con argomenti concreti come lavoro, abitabilità, sanità, scolarizzazione è fondamentale. Ma questo ha meno senso e efficacia se non si combattono il razzismo e i luoghi comuni. Come? Creando occasioni per promuovere la nostra cultura e il nostro modo di vivere, riconoscendo lo status di minoranza linguistica, proponendo l’immagine dei Rom e dei Sinti anche in modo positivo. Si deve riconoscere ufficialmente il diritto di vivere non solo secondo un unico modello di vita.

Come si può promuovere la partecipazione di rom e sinti in questi processi?

Le associazioni, pur con le difficoltà che conosciamo, potrebbero dare spazio alle iniziative dei Rom e Sinti, riservando loro il ruolo di protagonista nelle cause che gli riguardano, come del resto è avvenuto a Mantova. La politica potrebbe superare la logica della mascotte, e candidare i Rom e Sinti investendo seriamente sulle loro candidature .

Alle ultime elezioni amministrative a Milano non sei stata eletta, stai continuando la tua attivita’ politica?

Certo. Penso che la vera possibilità di cambiare qualcosa sta nella partecipazione politica. A Milano c’è una situazione drammatica, legata in particolare ai Rom rumeni. Contro “il patto di legalità e di socialità” abbiamo promosso un appello al quale hanno aderito tantissime persone e associazioni, e stiamo lavorando a una serie di iniziative. La mia candidatura non è stata una questione di immagine. La mia lista, candidandomi si è assunta la responsabilità di portare avanti questo argomento e lo sta facendo con impegno e serietà.